Home / Servizi e software utili / Banda minima garantita per tariffe ADSL

Banda minima garantita per tariffe ADSL

Banda minima garantita per tariffe ADSL

Quello dell’informatica è l’universo dei dati teorici. Nulla a dato per certo, tutto è declinato in termini di potenzialità, possibilità, probabilità…

La capienza dei dischi, la potenza di calcolo, la frequenza di memorie e processori, la velocità dei bus e, soprattutto, la banda delle connessioni adsl ad Internet…

Da un parte c’è il valore teorico, dall’altra la prestazione che si può realisticamente ottenere. E non c’è verso che i due siano comparabili. Cosi, proprio mentre ci stiamo beando dell’ennesimo passo avanti compiuto dalla tecnologia, che corrisponde sempre al nostro ultimo acquisto, eccoci a dover scendere a patti con-una realtà molto meno accattivante. Chi ha una connessione a banda larga conosce bene questo fenomeno. Tutti abbiamo sottoscritto una tariffa adsl che prometteva mari a monti, salvo ritrovarci con una velocità massima effettiva di collegamento pari ad appena una frazione di quanto pubblicizzato dal provider. Oggi però il consumatore ha qualche strumento in più per pretendere ciò che gli spetta.

La direttiva Agcom emanata lo scorso anno (n. 244/081CSP) stabilisce infatti che ogni provider debba indicare la “banda minima garantita” per ognuna delle tariffe ADSL che offre al pubblico.

Con questo termine si intende la quantità di banda (quella che comunemente chiamiamo velocità di connessione) minima che l’operatore si impegna a fornire sempre e a ciascun utente, anche nei momenti di picco del traffico dati sulle proprie linee.

Quale che sia il vostro provider, sul suo sito Web dovreste quindi trovare l’indicazione della banda minima garantita che questi deve fornirvi per contratto.

Ma come si fa a verificare le prestazioni della propria connessione Internet? Il metodo più semplice è quello di utilizzare uno dei tanti servizi di misurazione della banda offerti gratuitamente su internet tenendo però ben presente che queste rilevazioni vanno prese con benefcio di inventario e non sono comunque opponibili a terzi.

Si tratta infatti di rilevazioni istantanee, che vengono realizzate appoggiandosi a server privati scelti senza alcun particolare criterio, e che risentono, pertanto, di tutte le numerose variabili che incidono sulla disponibilità di banda in un determinato momento: la distanza dell’utente dalla centralina telefonica e dal server di riferimento, le specifiche caratteristiche del server stesso, lo stato di congestione della Rete, nonche la lunghezza e la qualità del doppino telefonico.

Impossibile trarre da questi test dei riferimenti assoluti, mentre invece si può sfruttare questo genere di rilevazioni in senso relativo: ripetendo la misurazione in orari diversi, è possibile per esempio confrontare efficacemente le connessioni offerte da fornitori differenti, così come individuare i periodi del giorno in cui e possibile sfruttare al massimo la banda corrispondente alla tariffa sottoscritta.

Tra i servizi piu affidabili e facili da usare vi segnaliamo SpeedTest.net (Speed Test: controllo velocità connessione ADSL) e PingTest.net, cui dedichiamo un paio di articoli nelle prossime pagine.

La loro interfaccia grafica e la bontà dei server utilizzati permettono di ottenere facilmente misurazioni abbastanza significative, mentre il fatto di non dover installare alcun software rendono i test molto immediati.

Fermo restando che anche questi servizi forniscono semplicemente rilevazioni istantanee, per massimizzare l’attendibilita dei risultati vi suggeriamo di ripetere le misurazioni più e più volte, possibilmente in diversi orari della giornata, in modo da ponderare le differenze dovute al diverso traffico sulla Rete.

Valutare connessione adsl

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *